,

#intervistaligienista Intervista alla Dott.ssa Silvia Schiro

#intervistaligienista

Abbiamo intervistato la giovanissima e molto determinata Dottoressa Silvia Schiro.

Ci spostiamo quindi nei pressi di Vicenza!

Nome e cognome

Silvia Schiro

Quali sono le tue origini e dove lavori attualmente?

Vivo da sempre ad Arsiero, un piccolo comune di poco più di 3000 abitanti nella provincia di Vicenza.

Attualmente lavoro in più studi dentistici di Schio (VI).

Il tuo piatto preferito

Adoro in generale tutti i primi piatti (pasta, lasagne, tagliatelle, tortellini), se dovessi scegliere penso che non potrei fare a meno degli gnocchi al pomodoro.

Chi mi conosce sa bene che non rinuncio mai ‘a lasciare spazio nello stomaco’ per una fetta di dolce.

Tra tiramisù, soufflé al cioccolato, salame al cioccolato scegliere diventa per me difficile.

Il tuo tipo di vacanza preferito

Per me vacanza vuol dire relax e mare, stare sotto all’ombrellone mangiando un buon gelato e di tanto in tanto qualche tuffo in piscina.

Il tuo film o serie tv preferita?

‘Un medico in famiglia’, nonostante sia una serie televisiva datata mi diverte ancora guardarla quando fanno le repliche in televisione.

Il colore del tuo camice

Ne ho di vari colori (blu, azzurro, rosa, bordeaux), ma il mio abbinamento preferito resta casacca blu e pantalone bianco.

Da quanto tempo svogli il lavoro di Igienista dentale?

Mi sono laureata il 19 novembre 2015, ormai sono due anni e mezzo che ho iniziato a lavorare e quindi a essere veramente un’igienista dentale.

Cosa ti ha spinta a scegliere questo lavoro?

Sicuramente terminato il liceo l’idea era quella di proseguire gli studi con un corso di laurea triennale, in realtà poi nel corso degli anni è maturata la voglia in me di conseguire anche la laurea magistrale.

Mi sono infatti laureata lo scorso anno in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Assistenziali alla Sapienza di Roma.

Devo di dire che inizialmente avevo le idee un po’ confuse, ma quando è giunto il momento di iscrivermi al test d’ingresso nella mia testa tutto diventò più chiaro.

Decisi di provare solo il test delle Professioni Sanitarie e ovviamente come prima scelta Igiene dentale, forse perché fin da piccola ho sempre frequentato lo studio dentistico e anche su suggerimento di chi quel lavoro lo svolge già.

Sentivo che era quello il percorso che volevo intraprendere, una sfida con me stessa dati alcuni aspetti del mio carattere forse non adatti per svolgere questa professione, e il destino è stato dalla mia parte.

Quali metodi utilizzi per comunicare con i tuoi pazienti e con i tuoi colleghi?

Sarà che non lavoro in una grande città, sarà per il tipo di pazienti, ma al momento non utilizzo il web, inteso come social o app, per comunicare con i miei pazienti e colleghi.

Credo che non può mai mancare la comunicazione faccia a faccia con la quale è più semplice dialogare avendo subito un feedback e anche intercettando le emozioni, le perplessità di chi si ha di fronte.

Quali sono state (o qual è stata) la sfida professionale più difficile che hai affrontato nel corso della tua carriera di Igienista dentale?

Sicuramente sono in questo ambito lavorativo da pochi anni e nel futuro ci saranno altre sfide, ma sento di essere più matura e pronta ad affrontarle.

Credo che la sfida più difficile sia quella di restare sempre fedele ai propri obiettivi cercando di realizzare le proprie aspettative, senza giungere a compromessi.

Cosa ami della tua Professione?

Amo il rapporto che si crea con il paziente, la sua gratificazione per i consigli che gli hai dato e per averlo ascoltato, lo stupore per aver scoperto un trucchetto in più per mantenere la sua salute orale.

Un episodio divertente che ti è capitato su lavoro?

In quell’occasione non so se era da ridere o più da piangere, comunque mi ricordo di una paziente che ha preso il bicchiere per fare lo sciacquo con il collutorio e per l’agitazione le è scivolato dalle mani versando tutto per terra, cose che succedono.

Come trascorri il tempo tra un paziente e l’altro?

In realtà il tempo è tiranno e pause tra un paziente e l’altro sono rare.

Quando succede colgo l’occasione per sistemare l’ambulatorio, scambiare ‘quattro chiacchiere’ con i colleghi e le assistenti, fare uno spuntino o guardare la cartella del paziente successivo.

Quali cambiamenti vorresti apportare al tuo ruolo professionale? 

Partendo dal presupposto che la salute e la soddisfazione del paziente dipendono dalla collaborazione che c’è all’interno di un team, l’igienista ha la necessità e deve confrontarsi con i propri colleghi per conseguire il miglior risultato possibile.

Quasi sempre la branca dell’igiene dentale ha bisogno di interfacciarsi con la conservativa, la protesi, l’implantologia, ecc. difficilmente può da sola coprire a 360° le esigenze e le richieste del paziente.

A volte cresce anche la necessità di interfacciarsi con professionisti di altri settori, per perseguire un approccio di cura multidisciplinare.

Quello che vorrei come igienista?

Spero in futuro ci sia una distinzione netta e più marcata dei ruoli all’interno dello studio dentistico.

L’igienista dentale è andato a sostituire il lavoro svolto in passato dalle assistenti alla poltrona che si occupavano di igiene orale e di conseguenza in alcune realtà di studio dentistico copre anche mansioni di sterilizzazione e segreteria (appuntamenti e richiami).

Il consiglio migliore che un Igienista dentale possa dare al suo paziente?

Volersi bene ed aver cura di sé.

Tutto parte dalla consapevolezza del paziente della propria salute, l’igienista ha il compito di dargli le giuste indicazioni e accompagnarlo in questo percorso.

Un consiglio da dare agli studenti di Igiene dentale.

A mio parere per essere un igienista dentale bisogna avere passione per il proprio lavoro, etica, pazienza e capacità di ascoltare senza giudicare. Oltre che un po’ di gentilezza che non guasta.

Domanda da macchina della verità: Segui sempre i consigli che dai ai tuoi pazienti?

Svolgendo questa professione sono sicuramente migliorata grazie anche alle nozioni che ho acquisito durante il percorso di studi e dopo. La cosa più difficile è restare fedeli alle proprie abitudini di igiene orale dopo una giornata di lavoro stancante e soprattutto quando si è fuori casa per lavoro, congressi o svago.

Devo dire però che quando pranzo fuori casa, se nel pomeriggio devo andare al lavoro, porto sempre con me nella borsa spazzolino elettrico e dentifricio.

Un po’ di pubblicità! In quale città lavori e come possono trovarti i pazienti interessati?

Al momento lavoro in alcuni studi dentistici di Schio (VI).

Per qualsiasi cosa potete trovarmi e seguirmi sui miei profili professionali Instagram e Linkedin, e sulla mia pagina Facebook.

La Dottoressa Silvia Schiro

________________________________

A questo link trovi la mappa interattiva con le interviste ad Igienisti dentali di tutta Italia.

Scopri gli altri articoli del blog di Brildent!

#intervistaligiensita

#kalipharm

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *